Link we love e fitness, benessere e adv

I prodotti per perdere peso e per mantenersi in forma sono tra quelli che hanno ottenuto i ritorni maggiori da Link we love in quanto sono riusciti a sfruttare un modo innovativo di fare advertising. La piattaforma utilizzata da linkwelove infatti utilizzava una tecnica pubblicitaria online che promuoveva un messaggio utilizzando però le stesse modalità comunicative del sito web scelto. Si assiste quindi a un cambiamento radicale che vede perdere di importanza e di efficacia il vecchio concetto di banner. Ormai gli utenti sono sempre meno propensi a cliccare sui banner, proprio per questo in un settore difficile come quello del fitness occorre qualcosa di diverso per riuscire a emergere sulla concorrenza e a proporre efficacemente i propri servizi e prodotti a una platea sempre crescente di utenti.

Un algoritmo pensato per massimizzare i profitti

La chiave del grande successo di link we love e di piattaforme simili è quello di trasformare il messaggio pubblicitario in contenuti così da superare l’indifferenza e il fastidio dell’utente nei confronti delle pubblicità. Facciamo un esempio, si immagini di voler cercare notizie sul fitness e sui suggerimenti per perdere peso, con link we love era possibile inserire dei contenuti all’interno dell’articolo che rimandavano a link esterni catturando nel contempo l’attenzione dell’utente grazie a una pubblicità mascherata da testo. Essendo una pubblicità pertinente e non invadente, aumentava di conseguenza la possibilità da parte dei visitatori di restare più a lungo tra le pagine del sito, aumentando così i profitti. Il content marketing applicato al web sta riscuotendo un crescente successo, soprattutto nel settore del fitness, e sono già moltissime le realtà che lo utilizzano con grandi risultati riuscendo così a convertire i target selezionati in click e quindi in clientela potenziale. Al posto di venire bombardati da decine di banner che promettono dimagrimenti portentosi, i visitatori verranno indirizzati verso contenuti di proprio interesse, basta quindi con le descrizioni prodotto non richieste! Alla base del funzionamento di Link we Love c’era comunque un algoritmo specifico, Loverank, con il quale si riuscivano a posizionare i propri annunci per siti web e blog.

Tanti vantaggi per gli editori con linkwelove

A giovarsi di Link we Love e delle sue enormi potenzialità non erano solo gli inserzionisti ma anche gli editori. Proprio così, gli editori riuscivano ad esempio a godere del vantaggio di una nuova opportunità di guadagno pensata per aumentare il tempo di permanenza degli utenti sui siti web e sui blog. E’ centrale in questo senso il concetto di content raccomentadion applicato non solo ai link esterni ma anche alle pagine interne dello stesso sito. L’obiettivo è quello di indurre il visitatore a sfogliare più pagine in modo del tutto naturale, senza l’impatto brutale di pubblicità. Inoltre ogni editore con link we love poteva scegliere esattamente la quantità di pubblicità da veicolare all’interno dei contenuti. L’elevata personalizzazione coinvolge sia la frequenza dei contenuti, sia il loro aspetto grafico e, soprattutto, il loro posizionamento all’interno della pagina. Con link we love si guadagnava con il CPC; ovvero il numero di click sugli annunci sponsorizzati, questo implica che non veniva dato un guadagno fisso per click ma veniva determinato da diversi fattori che permettevano un guadagno minimo anche di 0,08 a click. I pagamenti avvenivano ogni 30 giorni con un pay out di almeno 100 euro.

Possibili alternative a Link we Love

Per fortuna esistono delle valide alternative a Link we Love che consentono di continuare con queste tecniche di content marketing ottenendo un grande successo. Moltissime realtà nel mondo del fitness oggi riescono a ottenere grandi ritorni grazie a Google Adsense e Payclick, due piattaforme molto diffuse che proprio come link we love garantiscono un ottimo ritorno grazie a contenuti mirati e altamente personalizzabili.