La carne rossa fa male al cuore, giusto? Gli scienziati scoprono che potrebbe non essere vero

Un nuovo studio rileva che il consumo di carne rossa non è associato ad un aumentato rischio di cancro o malattie cardiache.


Ciò è contrario all’opinione scientifica di lunga data secondo cui la carne rossa è associata ad un aumentato rischio di determinate condizioni di salute.


Ma gli esperti dicono che questo non significa che puoi mangiare hamburger ogni giorno e che è necessario svolgere ulteriori ricerche.
Lo sentiamo da anni: ridurre la carne rossa a favore di carni magre come pesce o pollo. Ma ora i ricercatori dicono che ci sono prove che la carne rossa potrebbe non essere così dannosa per la nostra salute come abbiamo pensato.

Una revisione rigorosa delle prove trova poco o nessun beneficio per la salute dalla riduzione del consumo di carne rossa o trasformata da livelli medi.

Ma non pensare che questo significhi che puoi andare a mangiare un hamburger ogni giorno.


I ricercatori affermano che il consumo medio non influirà sulla salute
Mentre lo studio sembra volare di fronte a decenni di ricerca, gli autori dello studio hanno effettivamente esaminato le ricerche passate per capire i rischi del consumo di carne rossa.

I ricercatori non hanno trovato un’associazione statisticamente significativa o importante tra consumo di carne e malattie cardiache, diabete o rischio di cancro dopo aver esaminato 12 studi randomizzati che hanno coinvolto circa 54.000 persone.

“Non è necessariamente una nuova ricerca. Hanno preso gran parte delle ricerche precedenti e le hanno inserite in un unico studio chiamato revisione sistematica, che analizza dettagliatamente gli studi precedenti ”, ha affermato Dena Champion , dietista registrata presso l’Ohio State University Wexner Medical Center e non associata allo studio.

Hanno scoperto che c’era meno rischio per coloro che consumavano tre porzioni in meno di carne rossa o trasformata a settimana, anche se affermano che “l’associazione era molto incerta”.

Sulla base di una serie di cinque revisioni sistematiche di alta qualità che studiano il rapporto tra carne e salute, un gruppo di esperti con NutriRECS informa che la maggior parte delle persone può mangiare carne rossa e trasformata al momento, livelli medi di consumo.

Per gli adulti in Nord America ed Europa, ciò significa circa 3-4 volte a settimana.

“NutriRECS è un gruppo di scienziati e partner pubblici di tutto il mondo interessati a migliorare la qualità delle linee guida nutrizionali utilizzando gli standard internazionali stabiliti da AGREE , dal gruppo di lavoro GRADE e dalla National Academy of Medicine “, autore principale delle raccomandazioni, Bradley Johnston , PhD, professore associato presso la Dalhousie University, ha dichiarato a Healthline.

Johnston ha affermato che lui e i suoi colleghi ricercatori erano consapevoli che le attuali linee guida sul consumo di carne rossa e trasformata lasciavano margini di miglioramento, “in particolare per quanto riguarda la metodologia di revisione sistematica e la presentazione dell’entità assoluta dell’effetto”, che è il rischio assoluto per 1.000 persone seguito nel tempo.

Ha aggiunto che ciò valeva anche per il modo in cui gli studi avevano valutato i valori e le preferenze del pubblico e la certezza delle stime sul consumo di carne e sul rischio di cancro, diabete e malattie cardiache.

Johnston ha sottolineato che, sebbene le preoccupazioni etiche o ambientali non siano state affrontate nel formulare le raccomandazioni, “Alcuni membri del pannello delle linee guida hanno eliminato o ridotto il loro consumo personale di carne rossa e trasformata per il benessere degli animali o per motivi ambientali”.

Dopo aver esaminato gli studi randomizzati, i ricercatori hanno scoperto che il consumo di carne non sembrava mettere le persone a rischio aumentato per una serie di condizioni di salute, tra cui malattie cardiache e cancro.

Tuttavia, dopo aver analizzato ulteriori studi con milioni di partecipanti, i ricercatori hanno trovato prove di una piccola riduzione del rischio.
La quantità e il modo in cui viene cucinata la carne rappresentano ancora un problema
Secondo Shelley Wood , MPH, RDN, con il Santa Clara Valley Medical Center, ci sono recentiricerca Trusted Source indagando il rischio di cancro dal modo in cui viene preparata la carne rossa.

Ha detto che cucinare ad alta temperatura come friggere e grigliare è stato associato a sostanze chimiche potenzialmente cancerogene create dalla fiamma e dal fumo che creano.

“Fino a quando non avremo una ricerca definitiva che dimostri che è sicuro, evita di cuocere la carne direttamente su una fiamma libera o su una superficie calda per un periodo di tempo prolungato. Trasforma la tua carne continuamente durante la cottura e rimuovi la carne carbonizzata prima di consumarla ”, ha ammonito.

“Certo, friggere o battere – questo non è un modo salutare per cucinare cibi dato che stai aggiungendo ancora più grassi e calorie, quindi è sicuramente qualcosa a cui pensare”, ha aggiunto Champion.

I risultati inoltre non significano che possiamo mangiare quantità illimitate di carne.

“Questa non è un’approvazione della gola. Lo studio non ha avuto modo di rispondere se un consumo più che moderato ha fatto la differenza. Allo stesso modo, lo studio non è stato in grado di scomporre facilmente i diversi tipi di carne o il modo in cui sono stati preparati “. Questo ha dichiarato il dott. Joshua S. Yamamoto , FACC, cardiologo, co-fondatore della Foxhall Foundation e co-autore di” You Can Prevent un infarto.”

La pancetta non è ancora sana


Wood consiglia che questo non cambia il modo in cui gli esperti vedono la carne lavorata. Wood dice che le persone dovrebbero limitare in modo significativo l’assunzione di carne trasformata.

Dice che queste carni sono ricche di sodio e grassi saturi, che lo sono stati Fonte attendibile collegata a malattie cardiache e ictus. Questi includono hot dog, prosciutto, pancetta, salsiccia, carne in scatola e a scatti.

“La maggior parte dei dati suggerisce che grandi quantità di carne rossa e trasformata portano a scarsi risultati sulla salute; tuttavia, la maggior parte è di natura osservativa, è così che riceviamo molti dei nostri consigli “, ha detto Champion. “Quello che stanno dicendo questi autori è che questi risultati sono deboli e di bassa qualità. Ma ciò non significa che le carni rosse e trasformate siano salutari o che tu possa mangiare quanto vuoi”.

Wood ha detto che dovremmo mirare a rendere la nostra dieta a base vegetale almeno il 90 percento delle volte e goderci la carne rossa in modo conservativo.

“Frutta, verdura, fagioli, legumi e cereali integrali sono meno calorici e benefici. Non solo per la salute, ma per raggiungere e mantenere un peso corporeo sano”, ha detto.

“Le attuali linee guida dovrebbero guidare il pubblico verso un’alimentazione a base vegetale, principalmente per i travolgenti impatto sulla salute Fonte attendibileassociato a farlo. Quando si considerano i chili di nutrienti in cambio di chili. Gli alimenti a base vegetale sono più nutrienti e nutrienti rispetto alla carne rossa ”, ha concluso Wood.


La linea di fondo


Un esame di numerosi studi che hanno coinvolto un numero molto elevato di persone. Ha rilevato che un consumo moderato di carni rosse e trasformate non influisce negativamente sulla salute.

Gli esperti affermano che ciò non significa che mangiare questi alimenti sia necessariamente salutare o che possiamo mangiare quantità illimitate senza conseguenze. Aggiungono che l’elevato consumo di sodio e grassi saturi è ancora associato ad un aumento dei rischi per la salute.

Sottolineano anche il travolgente impatto positivo sulla salute associato a una dieta a base vegetale che include generose quantità di frutta e verdura.